BIM per il Facilities Management: 4 suggerimenti su come migliorare le prestazioni e ridurre i costi

Articolo di Jeff Link dal blog di Autodesk Redshift


Numeri e modelli semplicemente non vanno di pari passo, soprattutto quando si tratta del Facilities Management, sia prima che durante gli anni successivi alla sua inaugurazione.

Molte università, ospedali e aziende private negli Stati Uniti e all'estero stanno usando il BIM sia per la progettazione di edifici e sia come strumento per il Facilities Management per usufruire di enormi quantità di informazioni, dai dati sull'impiego degli spazi e report sull’utilizzo dell'energia ai numeri di serie dell'apparecchiatura fino ad utilizzare i dati di modello per pianificare nuove costruzioni, decisioni di ristrutturazione e monitorare le prestazioni energetiche degli edifici.

L'esperto del settore Michael Schley, fondatore e CEO di FM:Systems e membro dell’International Facility Management Association, condivide i vantaggi del BIM per la gestione degli impianti e suggerisce come i proprietari di edifici possano applicare il software per acquisire informazioni strutturali, di sistema e di prestazioni di un edificio e metterle a buon uso.

"Non siamo bravi a tenere d'occhio i cambiamenti degli edifici nel tempo", dice Schley. "BIM serve come strumento per mantenere queste informazioni aggiornate e accurate in modo che i proprietari sappiano cosa c'è dietro le pareti. I subappaltatori che lavorano su una riparazione o una ristrutturazione spesso richiedono di sottoscrivere una polizza assicurativa contro il rischio di trovare conduttori elettrici nascosti, tubi d'acqua o materiali pericolosi che richiedono spese aggiuntive e quindi un aumento dei costi. Se i proprietari fossero in grado di conoscere queste informazioni in anticipo, potrebbero eliminare questa spesa".

E non è l'unico modo per aiutare i proprietari a risparmiare soldi. Un altro vantaggio è monitorare attentamente l'utilizzo dell'energia e dell'acqua per ridurre i costi di gestione dell'edificio, spiega Schley. Permettendo ai proprietari di monitorare e analizzare le prestazioni di più sistemi, come gli impianti di condizionamento dell'aria, le luci automatiche, l'utilizzo dell'acqua, BIM può portare a un uso più attento delle risorse energetiche, riducendo le spese e aumentando il valore del bene.

Facilities Management per migliorare le prestazioni e ridurre i costi

Quindi, con tutti questi vantaggi in mente, Schley ha individuato questi quattro suggerimenti per un'integrazione BIM di successo.

1. BIM è una conversazione: rendila inclusiva. Gran parte della sfida nell'adozione della BIM al campo del Facilities Management è rendere il sistema più amichevole per i gestori delle strutture che hanno bisogno di capire come utilizzare il BIM all'interno delle loro attività.

Il consiglio di Schley è quello di definire, prima dell'integrazione, un insieme chiaro dei risultati che si vogliono raggiungere e di assicurarsi che le squadre di gestione delle strutture facciano parte della conversazione. "Devi sapere cosa vuoi e come chiederlo", dice Schley.

La raccolta dei dati, ovviamente, varia a seconda della mission e degli obiettivi del proprietario o del gestore.

2. I cinque pezzi di informazioni da raccogliere. Il modello di visualizzazione BIM cattura una quantità straordinaria di informazioni: dalla metratura delle stanze, alle finestre e i suoi dettagli, fino agli elementi di costruzione accompagnati da quantità, dimensioni, forme e orientamenti. Ma molti di questi dettagli, anche se utili per la vendita di un nuovo progetto o di una ristrutturazione, potrebbero essere irrilevanti per il facility management e per il personale di manutenzione. Peggio ancora, possono essere difficili e dispendiosi da mantenere in termini di tempo.

Inizia semplicemente a metterti obiettivi modesti. Per coloro che sono nuovi all’uso del BIM, Schley raccomanda di raccogliere solo cinque informazioni sui sistemi: marca, modello, descrizione, numero di serie e numero di identificazione del bene.

3. Noleggiare un Software Pro. BIM non deve solo considerare il team delle facilities che utilizza le informazioni su base giornaliera, ma deve anche supportare il responsabile della traduzione delle modifiche allo'interno del sistema ogni qualvolta vengono eseguiti lavori di rinnovo o sostituzione delle apparecchiature.

"Dire che una pompa si rompe e una nuova pompa equivalente è installata, vuol dire che un esperto di software deve essere disponibile e preparato all’aggiornamento del sistema", spiega Schley. La sincronizzazione delle informazioni è fondamentale per limitare imprecisioni e duplicazione inutile, secondo Schley.

BIM per migliorare le prestazioni e ridurre i costi

4. Integrare i dati, non trasferirli. Secondo Schley, il facilities management è la migliore fonte di informazioni per quanto riguarda l'adempimento degli ordini di lavoro e la compilazione di report sull’uso dello spazio. BIM, d'altra parte, è "l'autorità" quando si tratta di raccogliere informazioni sulle caratteristiche fisiche di un edificio: materiali, meccanica e attrezzature. Idealmente, l'integrazione dovrebbe essere bidirezionale, il che significa che i dati devono fluire senza soluzione di continuità da un sistema all'altro e non è necessario immetterli due volte.

"Credo fortemente nell'integrazione del modello BIM nel facilities management", spiega Schley. "Alcune persone credono nell’adozione del BIM, sostenendo però che possa funzionare inizialmente causando problemi successivi per l’impossibilità di tenere le informazioni aggiornate. BIM e il facilities management sono due sistemi e nessuno dei due dovrebbero cercare di fare il lavoro dell'altro ".

Per maggiori informazioni visita la pagina servizi di implementazione BIM o contatta uno dei nostri uffici e saremo lieti di rispondere a tutte le tue domande.

Per leggere l-articolo originale clicca qui.

Come aggiungere il campo a/da stanza ad un abaco p...
Come utilizzare lo strumento Linework di Revit

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Rivenditori Autodesk Italia

Membro di

ASSOBIM 01